Emergenza covid-19: sospesi i pagamenti di cartelle e avvisi.
L'Agenzia delle Entrate-Riscossione chiude gli sportelli fino a nuova comunicazione
Disponibili i servizi web

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione con un comunicato di venerdì 3 aprile 2020 ha informato i cittadini che è stata prolungata fino a "nuova comunicazione" la chiusura al pubblico dei propri sportelli presenti su tutto il territorio nazionale, prevista inizialmente fino al 25 marzo, e slittata successivamente al 3 aprile.

Il personale dell’Ente, attraverso attività di back office, garantirà l’operatività e la fruibilità dei servizi online, disponibili h24 sul portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it e sull’App Equiclick, fornendo assistenza con i consueti canali di ascolto che, per l’occasione, sono stati potenziati con nuovi indirizzi mail per eventuali richieste di assistenza, urgenti e indifferibili,  riferite, ad esempio, a procedure attivate prima del periodo sospensivo.

Inoltre, sul portale di Agenzia Riscossione sono disponibili i chiarimenti e le risposte alle domande più frequenti (Faq) relative alle nuove disposizioni introdotte in materia di riscossione dal decreto legge “Cura Italia”.

Il provvedimento, infatti, prevede una serie di misure fiscali a favore di cittadini e imprese, come

  • la temporanea sospensione dell’invio degli atti di riscossione,
  • la sospensione dei pagamenti di cartelle, avvisi di addebito e avvisi di accertamento esecutivi affidati all’Agente della riscossione, comprese le relative rateizzazioni,
  • il differimento, al 31 maggio 2020, della rata della “Rottamazione-ter” ", scaduta il 28 febbraio 2020, e quella del "Saldo e stralcio” in scadenza il 31 marzo 2020.